domenica 17 ottobre 2010

Un'esperienza che ha "fruttato"

Ricordo con simpatia quest'esperienza,il lavoro era sempre di tipo manuale e pesante,ma l'ho fatto volentieri.
Nelle estati dai 14 ai 19 anni,se non ricordo male,un pò perchè d'inverno fino ai 16 o 17 seguivo corsi scolastici,un pò perchè c'era il servizio di leva di mezzo e non avevo specializzazioni o competenze particolari che mi permettessero di trovare un impiego duraturo,mi dedicavo alla raccolta della frutta.
Si iniziava il lavoro presto,circa alle 6,perchè è quasi improponibile farlo nelle ore più calde,e si smetteva alle 13.30,se non ricordo male.
Non era certo difficile come lavoro,ma costringeva a sviluppare una buona dose di resistenza alla noia,perchè,seppur ci fosse sempre come distrazione in sottofondo il vociare del gruppo di donne che come me raccoglieva frutta,il lavoro era molto noioso....non riesco a quantificare le pere,mele,pesche,o grappoli d'uva che potevo raccogliere in un giorno...ma una volta raccolto i primi,i restanti non si raccolgono in modo molto diverso...e la cosa viene un pò a noia...ma ripeto,in fondo non ne ho un brutto ricordo.
A volte,sì,mi poteva capitar di guidare per un pò un trattore,o di vuotare in un cassone di plastica i secchi usati dal gruppo per la raccolta della frutta,ma non così spesso da distrarmi...quando facevo quel lavoro,prima di addormentarmi,la sera,chiudendo gli occhi vedevo il tipo di frutta raccolta durante la giornata...ahah..
Però...non sò...sarà stata l'atmosfera che mi pareva avesse quel lavoro...si stava all'aria aperta,in mezzo al verde...forse sarà stata solo un'impressione.

mercoledì 13 ottobre 2010

Non l'ho capita...

Un'altra esperienza di lavoro interessante la ebbi all'età,se non ricordo male,di 17 anni.
Fu una cosa talmente breve che non l'ho capita molto bene...o forse troppo bene...certo le situazioni di vero e proprio sfruttamento son ben peggiori,ma un pò sfruttato mi son sentito.
era un lavoro come dipendente presso una lavanderia industriale,nella località in cui risiedo,quindi per la distanza era comodissimo...come orari era un normale giornaliero,e la mansione consisteva nell'aiutare il lavandaio,per poi esser in grado di sostituirlo nei momenti di bisogno...il contratto era in rogola.
Per cui,mi misi a disposizione.
Il lavoro si svolgeva a ritmi sostenuti,si doveva far lavorar costantemente diverse lavatrici industriali,far attenzione al dosaggio dei detersivi ed ai tempi di lavaggio,risciaqquo,centrifuga...ma non ebbi il tempo di apprenderli,perchè al di là dei ritmi,l'esperienza venne interrotta dal datore di lavoro dopo due sole settimane.
A me non parve di commettere mancanze tali da meritare ciò,ma non mi dispiaqque perchè,ancora ragazzino,mi illudevo di aver 1000 opportunità,ed il lavoro era stressante e faticoso e,con tutto il rispetto,non mi piaceva.
Un pò sfruttato mi son sentito perchè credo che usassero personale come avevan fatto con me da eliminare entro il periodo di prova,e perchè gli ultimi 2 giorni di lavoro mi fecero pulire la caldaia del complesso assiema ad un idraulico,cosa che non ero tenuto a fare,ma essendo in prova dovevo dar il meglio,e l'azienda avrà risparmiato la paga dell'aiuto idraulico...mah...

martedì 28 settembre 2010

My first experience of I made it job all' age of 13 years. During summer of mine 13 years, because to school it did not go well and because I was convinced that to work graves better than to study, and also because I would have used the gain in order to acquire a vespa to the fulfillment of 14 years; through my father I came inserted in a group of persons who made maintenance to apartments in a locality of sea to a ten of kilometers from house mine. Together to me, there was a my friend of my same age, to some persons of average age; that they transported to us on the place of job with their cars, and gave instructions on what to make to us. The morning was begun towards the 7,30, then to the 12 was a scant hour of pause, then was resumed. .non was ended before the 18, more often towards the 19. I did not resist very, approximately 3 weeks, my friend still less. It was a particularly heavy job, practically we made the assistants for of the masons. .e that is moving concrete bags, than to the times they weighed kg 50, but at least we could make it together. to.trasportare concrete buckets or ruins with carrucole or by hand, to clean up cancelled of iron with abrasive paper, small paint jobs, to paste similar concrete… and things. The head was rather demanding, and the hour wage that had decided for we was not high… piled with the old one coins to Liras 3000…
My first experience of I made it job all' age of 13 years. During summer of mine 13 years, because to school it did not go well and because I was convinced that to work graves better than to study, and also because I would have used the gain in order to acquire a vespa to the fulfillment of 14 years; through my father I came inserted in a group of persons who made maintenance to apartments in a locality of sea to a ten of kilometers from house mine. Together to me, there was a my friend of my same age, to some persons of average age; that they transported to us on the place of job with their cars, and gave instructions on what to make to us. The morning was begun towards the 7,30, then to the 12 was a scant hour of pause, then was resumed. .non was ended before the 18, more often towards the 19. I did not resist very, approximately 3 weeks, my friend still less. It was a particularly heavy job, practically we made the assistants for of the masons. .e that is moving concrete bags, than to the times they weighed kg 50, but at least we could make it together. to.trasportare concrete buckets or ruins with carrucole or by hand, to clean up cancelled of iron with abrasive paper, small paint jobs, to paste similar concrete… and things. The head was rather demanding, and the hour wage that had decided for we was not high… piled with the old one coins to Liras 3000…

giovedì 23 settembre 2010

prima esperienza di lavoro

La mia prima esperienza di lavoro la feci all'età di 13 anni.
Durante l'estate dei miei 13 anni,un pò perchè a scuola non andò bene,un pò perchè ero convinto che lavorare fosse meglio che studiare,ed anche perchè avrei utilizzato i guadagni per acquistare una vespa al compimento di 14 anni;tramite mio padre venni inserito in un gruppo di persone che facevano manutenzione ad appartamenti in una località di mare ad una decina di chilometri da casa mia.
Assieme a me,vi era un mio amico della mia stessa età,ad alcune persone di mezza età;che ci trasportavano sul luogo di lavoro con le loro auto,e ci davano istruzioni su cosa fare.
La mattina si iniziava verso le 7.30,poi alle 12 vi era un'oretta di pausa,poi si riprendeva..non si finiva prima delle 18,più spesso verso le 19.
Io non resistetti molto,all'incirca 3 settimane,il mio amico ancora meno.
Era un lavoro particolarmente pesante,praticamente facevamo manovalanza per dei muratori..e cioè spostar sacchi di cemento,che ai tempi pesavan kg 50,ma almeno potevamo farlo assieme..trasportar secchi di cemento o macerie con carrucole o a mano,pulire cancellate di ferro con carta abrasiva,piccole verniciature,impastare cemento...e cose simili.
Il capo era piuttosto pretenzioso,e la retribuzione che aveva deciso per noi non esosa...ammontava col vecchio conio a lire 3000...